rifiuti tributi locali

RIFIUTI – Riduzione della superficie solo se è provato l’autosmaltimento

La riduzione della superficie tassabile muove dunque non dalla generica destinazione dell’immobile ad attività industriale, ma dalla specifica indicazione e dimostrazione delle aree che, all’interno dello stabilimento, producono prevalentemente rifiuti (speciali) esenti da privativa comunale, perché non assimilati assimilabili ai rifiuti urbani e, come tali, assoggettati ad autosmaltimento.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.