TARI – Zone non servite – Riduzioni per motivi oggettivi – Obbligatorietà – Cassazione – Ordinanza 15323 del 3/6/2021

TARI – Zone non servite – Riduzioni per motivi oggettivi – Obbligatorietà – Cassazione – Ordinanza 15323 del 3/6/2021

La previsione normativa precisa ed incondizionata sia delle condizioni di operatività che di una misura massima della tariffa applicabile, rispettivamente 20% e 40%, graduabile in ribasso, consente di affermare che tali riduzioni siano obbligatorie e che, al verificarsi delle indicate situazioni oggettive che vanno ad incidere sul presupposto impositivo, spettino ope legis, a prescindere cioè da una loro previsione nel regolamento comunale, come si evince del resto dall’utilizzo dell’espressione “la TARI è dovuta”.

Rispondi